Indigeni colombiani denunciati dalla Coca Cola per l'uso del nome sulle bevande

La Coca Cola chiede che una donna d'affari indigena colombiana smetta di usare la parola "Coca" su una bevanda. Come finirà questa disputa?

Indigeni colombiani denunciati dalla Coca Cola per l'uso del nome sulle bevande

La Coca Cola ha mantenuto la sua lunga causa contro la donna d'affari colombiana Fabiola Piñacué per l'uso del nome "Coca" su una birra artigianale. La risposta di diversi popoli indigeni è stata quella di chiedere alla compagnia di giustificare l'uso della parola coca nelle sue bevande. Ritengono che la multinazionale stia abusando della parola.

Cosa ci insegna questo? Che nessuna registrazione di marchio è completamente ferrea e copre un marchio in tutto il mondo. Inoltre, finirai sempre in un tribunale per reclamare o difenderti.

Quindi il nostro consiglio è: registra il tuo marchio nel registro nazionale del tuo paese e nel Registro Pubblico dei Marchi TMPR su blockchain. Registrare il tuo marchio, prodotto o slogan sulla blockchain ti permette di avere una data certa e inconfutabile che servirà come base legale in qualsiasi tribunale. Inoltre, registrando il tuo marchio nel TMPR creerai un NFT gratuito del tuo marchio, nel caso in cui tu voglia venderlo.

La Coca Cola, si considera proprietaria globale del marchio. Pertanto, ritiene che nominare un prodotto come "coke" violi il suo diritto. Gli avvocati dello studio Brigard Castro, che rappresenta la multinazionale in Colombia, vogliono che Piñacué elimini il termine "coca". La donna d'affari indigena si rifiuta di farlo.

Ma legalmente questo non ha senso perché le parole Coca e Cola sono parole comuni che non possono essere registrate. Il nostro studio legale è d'accordo con gli indiani colombiani, il marchio Coca Cola è effettivamente protetto, ma le due parole separatamente o insieme ad altre parole sono registrabili.

Per i popoli Indigeni la foglia di coca è sacra

Piñacué è appoggiato dalle autorità dei popoli Embera Chamí e Nasa. Hanno chiesto alla Coca Cola di giustificare come usa il termine "coca". Per questi popoli indigeni, la foglia di coca è sacra. Pertanto, ritengono che, in realtà, la multinazionale stia abusando della parola "coca". Inoltre, spiegano che poiché la Coca Cola ha registrato il nome senza consultare i popoli, ha violato il sistema internazionale dei diritti umani.

Le autorità indigene hanno dato all'azienda un massimo di 10 giorni per fornire una spiegazione. Altrimenti, cercheranno un consiglio legale per adottare misure che portino al veto dei prodotti Coca Cola in questi territori indigeni. In caso di successo, questo sarebbe un duro colpo per la multinazionale, perché le comunità indigene coinvolte nella controversia controllano un terzo della Colombia.

Fabiola Piñacué è rimasta ferma nella sua pretesa di continuare a produrre la birra artigianale "Coca". Ha denunciato sui social media che la Coca Cola ha inviato i suoi avvocati per minacciarla con altre cause. Rispettate i popoli indigeni, ha scritto su Facebook.

Come proteggere un marchio

L'imprenditrice ha detto che è molto importante che tutti i popoli indigeni colombiani continuino a lottare per il rispetto della coca. "Non siamo nascosti, non siamo illegali, la foglia di coca non è illegale e non lo è mai stata. C'è una confusione tra il linguaggio e la pubblicità di come vendono e vendono un discorso che è la droga, ma la foglia di coca non è una droga", ha detto.

Chi vincerà alla fine? Beh, tutto dipende dal giudice e da quanto la Coca Cola investe in cause legali. La giustizia ha molte sfaccettature e quindi non è sempre conveniente investire molti soldi per cercare di proteggere il tuo marchio. La blockchain è una soluzione economica e crea una base legale per te. Hai dubbi su come proteggere il tuo marchio, prodotto o slogan? Chiedici!

TMPR-240x600-IT



Avvertenze di rischio
I punti di vista e le opinioni espresse dal sito sono soggette a modifiche in base alle leggi, mercato e ad altre condizioni. Le informazioni fornite non costituiscono un consiglio legale e non dovrebbero essere considerate come tali. Tutto il (i) materiale (i) è stato ottenuto da fonti ritenute attendibili, ma la sua attualitá al momento della lettura non è garantita. Non vi è nessuna garanzia o rappresentazione in merito all'attuale precisione o responsabilità per le decisioni basate su tali informazioni.

Caporaso & Partners Law Office
Avenida Samuel Lewis, Torre Omega, suite 5D.
Panama.

Generale: [email protected]

Telefoni
Italy: +39 (06) 99335786
Spagna: +34 (93) 1845787
Panama: +507 8327893
Panama: +507 8339512
Stati Uniti: +1 (305) 3402627

SMS
Italy: +39 3399957837
Panama: +507 68263130

Urgenze:
+507 8339512

Servizio al cliente dalle
08:00 - 17:00 (inglese, italiano, spagnolo)